Cavalli ed ostacoli

massarelli marco cavalli ed osstacoli
E nei suoi quadri la luce è vitale, rispecchia inoltre il suo mondo interiore e testimonia l'ansia dell'artista, teso verso la comprensione del bene e del bello.

C'è dell'altro: la pittura di Massarelli sottintende sempre un messaggio, che l'autore porge con discrezione, con delicatezza, lasciando all'osservatore lo stimolo ed il piacere della scoperta.

Penso che egli faccia ricorso a veli leggeri, a penombre sfumate, ad incastri geometrici, proprio per collocare in trasparenza ciò che deve essere scoperto dal destinatario.

La ricerca dei soggetti, nei quali Massarelli intende trasferire di volta in volta gli impulsi e gli stimoli della sua interiorità e che fanno da catalizzatori tra soggettività ed oggettività, si espande in tutte le direzioni: un ferro battuto, un rosone, una cariatide, una statua od un suo particolare, un passo di danza, un volto sofferente, una natura morta che vive nella tela, una conchiglia, un reperto archeologico.

Non sfuggono a questo artista, figlio di Anzio e figlio del mare, le testimonianze di un ricco passato, che le generazioni hanno seminato lungo la costa e nel retroterra del suo luogo nativo.

Ed ecco un accenno a parte per le tecniche espressive: Massarelli le conosce tutte, è padrone assoluto d'ogni malizia, ma nei suoi dipinti, nei quali prevalgono i colori scuri ed i lampi di luce, si avverte, ma non si riesce a definire, perché personalissima ed ancora "top secret", una tecnica che non rivela i suoi segreti, mentre ne dona i risultati.

Oso azzardare: si tratta forse di una "SEQUENCE'S QUALIFIED PAINTING?" Chiudo queste note con una considerazione d'ordine pratico: un "Massarelli" trova facilmente una idonea collocazione negli ambienti culturalmente "caldi" ed è, inoltre, sempre, un intelligente investimento.

Victor Hugo Antei

Cavalli ed ostacoli

WWW.MASSARELLI-ARTE.IT
ESTRATTI DELLA GALLERIA D'ARTE